Sei in: Il sentiero di francescoFreccettaNotizieFreccettaDettaglio Notizia

Raccontare la natura, il premio "Sentinella del Creato"

Pubblicato il 31/08/2017   
Ecco il premio giornalistico “Sentinella Del Creato” per comunicatori attenti all’ambiente
Raccontare la natura in tutte le sue forme, dal rischio idrogeologico e le emergenze fino alla bellezza del paesaggio e al turismo della percorrenza lenta sui sentieri italiani, per tutelare l’ambiente e diffondere una cultura dell’ecologia. L’associazione Greenaccord onlus, che organizza a Gubbio il Forum dell’Informazione per la Custodia del Creato, consegna i premi giornalistici "Sentinella del Creato" a giornalisti che si sono distinti per la sensibilità nei confronti dei temi ambientali. 
Sabato 2 settembre, al termine del secondo giorno di cammino del pellegrinaggio a piedi Assisi - Gubbio “Il Sentiero di Francesco” e in chiusura del Forum dell’informazione cattolica, è in programma la serata “Sentinella del Creato” (ore 21.30, chiostro dell'ex monastero olivetano di San Pietro), un talk aperto al pubblico e condotto dal giornalista Rai Roberto Amen, al quale prenderanno parte ospiti del mondo ecclesiale, culturale, artistico e socio-politico. Ci sarà un dialogo tra l'attore, musicista e scrittore Moni Ovadia e il vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana per l'Italia centrale, mons. Mario Meini. Non mancherà la musica: la voce blues e soul di Linda Valori, accompagnata dalla Maurizio Pugno Band. Durante la serata Grenaccord onlus consegna i premi giornalistici "Sentinella del Creato", per l’attenzione e la sensibilità alle tematiche dell’ambiente, a Benedetta Rinaldi (conduttrice de “La Vita in Diretta Estate”), Isabella Di Chio (giornalista Tgr Rai del Lazio), Roberto Mazzoli (direttore de “Il Nuovo Amico” della Diocesi di Pesaro) e Roberto Moncalvo (presidente Coldiretti). 
In quest’occasione, la Diocesi di Gubbio consegnerà allo stesso presidente di Coldiretti, Moncalvo, che a soli 33 anni è stato il più giovane presidente tra tutte le associazioni di impresa e dei lavoratori, anche il premio “Lupo di Gubbio" per la riconciliazione con il Creato.
Al via domani, invece, a Gubbio il tradizionale appuntamento della stampa cattolica, organizzato da Greenaccord Onlus e Diocesi di Gubbio e giunto alla 12esima edizione. L’evento si inserisce nel programma della nona edizione del pellegrinaggio da Assisi a Gubbio “Il Sentiero di Francesco” che si terrà nei giorni 1-2-3 settembre 2017, organizzato dalla Diocesi di Assisi–Nocera Umbra–Gualdo Tadino e da quella di Gubbio, in collaborazione con la Conferenza Episcopale Umbra, con le Famiglie francescane e le istituzioni locali, in occasione della Giornata nazionale per la Custodia del Creato della Conferenza Episcopale Italiana. 
Un vero e proprio “pellegrinaggio dell'informazione” tra Assisi e Gubbio che vedrà coinvolti ottanta giornalisti in occasione della Giornata nazionale per la Custodia del Creato. Gli operatori della comunicazione parteciperanno a tre giorni di incontri con esperti e relatori di alto livello per discutere sul ruolo dell'informazione per rilanciare un territorio dopo un'emergenza drammatica come quella di un terremoto. 
Intanto venerdì mattina i giornalisti si faranno pellegrini sul Sentiero di Francesco, con partenza dal santuario della Spoliazione di Assisi in direzione di Valfabbrica, per la presentazione prima dell’”Ippovia Slow sulla Via di Francesco”, e poi verso Gubbio per l’apertura dei lavori del Forum. «La comunicazione post emergenza richiama necessariamente il giornalismo di prossimità, fatto di incontri, di volti, di storie, di racconti di rinascite: un giornalismo “viandante” che visita e che si stacca dalla scrivania della redazione e dallo scorrere le agenzie di stampa. Francesco d’Assisi che si spoglia, prima di intraprendere il suo “cammino” da Assisi verso Gubbio, ci insegna e ci ricorda che l’esperienza del cammino ci mette a nudo e ci rende vulnerabili ma questa è la condizione migliore per l’incontro vero e profondo con gli altri e con il creato», commenta Alfonso Cauteruccio, presidente di Greenaccord.
La tre-giorni si chiude - nel primo pomeriggio della domenica - con una simpatica curiosità internazionale: il tentativo, da parte di un pellegrino spagnolo, di battere il Guinness World Record per "la credenziale col maggior numero di timbri al mondo".